Senza innovazione l’Italia si ferma

La Fondazione Cotec ha lo scopo di rafforzare la competitività tecnologica del nostro paese. Il rapporto annuale di questa fondazione, che gode di prestigio nazionale ed europeo, è da tenere in grande considerazione perchè riporta le più aggiornate statistiche in merito alla produzione scientifica e tecnologica e alla capacità di competere sulla scena internazionale dell’Italia.

Come riportato dall’Asca, ”la competitività italiana è a rischio nel futuro: il nostro paese, infatti, risulta negli ultimi posti tra i principali Paesi europei per ricerca, sviluppo e investimenti in innovazione. Nel 2008 il peso degli investimenti in innovazione sul Pil ammontava all’1,19%, una misura ”sensibilmente” inferiore rispetto a quello dei principali Paesi Ue e con una ”crescita modesta” considerando che nel 2004 questo rapporto si attestava all’1,10%. Il peso degli investimenti sul Pil in ricerca e sviluppo nell’area Ocse risulta invece pari al 2,33%, con picco del 2,64% in Germania e del 2,77% negli Usa. Italia indietro su queso fronte anche rispetto a Francia (2,02%), Regno Unito (1,77%) e Spagna (1,35%): sotto questo profilo la penisola iberica aveva sorpassato l’Italia gia’ nel 2005. Proprio come le altre imprese europee, davanti alla crisi anche le aziende italiane hanno deciso di tagliare gli investimenti in ricerca e sviluppo, ma con una percentuale maggiore (26%) rispetto alla media, Spagna (29%) e Francia (27%) a parte.”

Anche sul fronte dei ricercatori, il dato italiano e’ inferiore a quello europeo: nel 2008 operavano in Italia 3,8 ricercatori per 1000 componenti della forza lavoro contro i 6,3 del complesso dell’Unione europea.

Quello che preoccupa, come sottolinea il direttore generale della Fondazione Codec Claudio Roveda, è anche ”la molteplicita’ di indicatori del comportamento dei giovani quali ad esempio la capacita’ intellettiva e creativa, la propensione al rischio, la concezione dell’industria, e del loro livello di formazione in ambito tecnico-scentifico”.

La conclusione? ”Da quest’ultima indagine emerge per l’Italia una situazione preoccupante per il futuro della competitivita’ del Paese”, ha detto il direttore generale della Fondazione Cotec.

Speriamo che le parole del Ministro Frattini lanciate in un video messaggio (“è fondamentale cominciare a lavorare per accelerare lo sviluppo dell’innovazione”), non rimangano soltanto parole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...