Volentieri copio e incollo

Alberto Stancanelli, membro del comotato promotore di Italia Futura, ha scritto ieri un pezzo intitolato “L’intolleranza che non tolleriamo. Il paese non ha bisogno del folclore locale della Lega”.Ammetto la mia invidia: avrei voluto scrivere io ogni singola parola dell’articolo. Per cui, per una volta, mi limito a copiare e incollare.

Se volete leggere il pezzo direttamente sul sito di Italia Futura cliccate qui.

L’intolleranza che non tolleriamo
Il paese non ha bisogno del “folclore” locale della Lega
di Alberto Stancanelli.

Dopo l’episodio della scuola di Adro, marcata in ogni luogo dal sindaco leghista con il sole delle Alpi, i rappresentanti del territorio del partito del Nord continuano a stupirci con le loro iniziative.

Non sappiamo se veramente il libro Gomorra di Roberto Saviano sia stato “epurato” dalla biblioteca del Comune di Preganziol o, come il Sindaco ha affermato, sia stato in qualche modo sottratto. Ciò che ci appare incredibile, ma ormai i “leghisti del territorio” non ci stupiscono più, è l’affermazione del segretario provinciale della Lega Nord di Treviso, riportata dai giornali del luogo: “ Se non vengono letti i libri di Saviano non muore nessuno e la cultura non ne subirà alcun danno. Anzi, meglio metterli in uno scatolone in uno scantinato, chissà che non se li rosicchi qualche criceto. Non stiamo parlando di Ungaretti, Leopardi o Pascoli”.

La censura e ogni forma di dileggio dell’espressione del libero pensiero e delle manifestazioni del sapere e della cultura, o il decidere autoritariamente quale libro deve essere letto o non letto da parte di chi riveste un incarico pubblico, anche se di partito, non può che rappresentare, oltre ad un palese pericolo, la più autentica forma di sottocultura che nega, con forza autoritaria, il riconoscimento dell’individuo come singolo e come parte integrante di una libera e democratica collettività, ponendosi al di fuori dei basilari principi di coesione sociale.

Qualcuno dirà, come sempre, che questa è la Lega del folclore, delle chiacchiere da bar di paese e non la Lega di Maroni, ossia la Lega di governo, rispettosa e partecipe del vivere in una collettività democratica, progredita e tollerante come oggi vuole essere il nostro Paese. Spetterebbe allora a questa parte democratica della Lega, condannare con forza e non legittimare con il silenzio affermazioni degne di realtà culturali o di momenti storici passati, che non ci devono appartenere.

Anche qui, come per il caso della scuola di Adro, si rischia di non riconoscere il vero pericolo che tali atteggiamenti di intolleranza possono produrre nella nostra società. Le affermazioni del segretario provinciale di Treviso della Lega Nord non possono passare sotto silenzio, senza che le istituzioni o la società civile manifestino la propria condanna. Incombe su di noi il rischio di una pericolosa assuefazione inconscia che, passo dopo passo, può ingenerare una forma di tolleranza dell’intolleranza. La Storia nefasta del secolo scorso ci insegna che proprio uno dei primi atti eclatanti del nazismo, che doveva far presagire al mondo il volto crudele e folle che si celava dietro quel gruppo di uomini che ascesero al potere, fu l’assalto alle biblioteche pubbliche e private e il rogo dei libri nella piazza dell’Opera.

L’ultima cosa di cui oggi il nostro Paese ha bisogno è la perdita della coesione sociale, l’intolleranza e qualsiasi forma di censura. Un autorevole Ministro ha recentemente affermato che con la cultura non si mangia, non vorremmo che il prossimo passaggio fosse la negazione della cultura. Il futuro è nelle nuove generazioni ed è proprio dai giovani, dal mondo della conoscenza, dall’elaborazione del libero pensiero che può avvenire la presa di coscienza della deriva sociale e culturale per porre le basi per una ricostruzione morale della nostra società.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...